Salta al contenuto
Rss



In giro per Nicola(1) Giungendo a Nicola, nella piazza del Pianello, il primo edificio che si distingue per la sua imponenza, è il castello con annessa torre pentagonale, sede della guarnigione, costruito fra il sec. XIII e XV, in posizione strategicamente dominante la vallata del Magra; al suo interno si conserva uno stemma, probabilmente fiorentino. Di fronte alla torre, si può osservare una maestà raffigurante la Madonna col Cristo deposto, oltre la quale, al di fuori della cinta muraria, pare fosse situato l'antico cimitero dei poveri.

(2) Oltrepassato il castello, si accede al borgo attraverso la porta principale, la quale, fino a poco tempo fa, veniva chiusa al calare delle tenebre. L'anello esterno delle case, aggregate senza una precisa soluzione di continuità, costituisce una sorta di sbarramento. Nel piccolo slargo immediatamente all'interno della porta d'accesso si trova una delle cisterne pubbliche di cui usufruivano tutti gli abitanti del paese che non potevano disporre di pozzi privati.

(3) Proseguendo verso sinistra (Borgo di fondo), notiamo che l'aspetto degli edifici oscilla tra la fatiscenza ed il rifacimento integrale; lungo il percorso, si osservi la presenza di interessanti maestà (bassorilievi devozionali marmorei), dei sec. XVII-XIX; si noti anche l'antica pavimentazione delle vie, formata da ciotoli diseguali, scanditi in tratti orizzontali e in una spina centrale da pietre da taglio. Il primo percorso radiale sulla destra è la cosiddetta "scala matta", così chiamata perché si arrampica con gradoni irregolari attraverso i gironi, per arrivare rapidamente al punto più alto del borgo, dove si trova la piazza della chiesa.
Successivamente giungiamo in uno slargo, privo di mura, nel quale, fino agli anni Cinquanta, era presente la seconda porta del paese, detta porta a Nord, che immetteva nei campi; la porta e la torre furono distrutte per recuperare le pietre e selciare la strada per il cimitero.



Piazzetta dell'Acacia
Piazzetta dell'Acacia

(4) Immediatamente dopo, vi è un altro slargo, detto piazzetta dell'acacia, in cui è ancora presente il secolare albero sotto il quale troviamo la seconda cisterna pubblica del paese; nella piazzetta sono tuttora ben visibili le mura di fortificazione del borgo ed una torre quadrate di guardia, parzialmente ristrutturata nella parte verso l'interno.

(5) Proseguendo, è possibile svoltare a destra, in una in una breve viuzza, per immettersi nella Via tra la Chiesa, lungo la quale si trova la cosiddetta casa di S. Guglielmo ("casa Ballotta"), nella quale si vuole che, nel sec. XII, sia stato ospitato S.Guglielmo, duca d'Aquitania.

(6) Dalla parte opposta della via, si accede alla piazza principale di Nicola piazza della Chiesa, spazio ristretto ed allungato, luogo sommitale oltre che centro sociale del borgo. Questa piazza presenta una pavimentazione in pietre larghe, totalmente conservata, e sedili in muratura addossati ai muri delle case. A destra della chiesa si nota un'antica casa in stile fiorentino.

(7) La Chiesa dei Santi Filippo e Giacomo occupa un'estremità della piazza, nella quale risalta grazie alla bella facciata in stile barocco, risalente al 1759, recentemente ridipinta in un brillante rosa "ligure".




Inizio Pagina Comune di ORTONOVO (SP) - Sito Ufficiale
Via Castagno, 61 - 19034 ORTONOVO (SP) - Italy
Tel. (+39)0187.690111 - Fax (+39)0187.660175
Codice Fiscale: 81001370113 - Partita IVA: 00089160113
EMail: urp@comune.ortonovo.sp.it
Posta Elettronica Certificata: segreteria@pec.comune.ortonovo.sp.it
Web: http://www.comune.ortonovo.sp.it


|